Risorse2019-11-25T15:38:30+01:00

Swiss Performing
Arts Platform

Grazie alla nostra piattaforma, la più ricca collezione svizzera di materiale archivistico nel settore delle arti sceniche sarà accessibile online.

Concepita come una banca dati integrata, la piattaforma riunisce le collezioni delle tre sedi di SAPA a Berna, Losanna e Zurigo e documenta le arti della scena in Svizzera.

Contiene dati su persone, istituzioni e produzioni, oltre a un ampio ventaglio di materiale d’archivio. Svolge principalmente la funzione di documentare le arti sceniche nel rispetto della loro complessità e della loro natura effimera. La piattaforma permetterà agli utenti di scoprire in maniera semplice e intuitiva la ricchezza delle collezioni della Fondazione.

Realizzata come banca dati a grafo, la piattaforma non si limiterà a connettere diversi tipi di collezioni, ma sarà anche in grado di scambiare dati con altri sistemi come Wikidata. Questo approccio offre diverse opzioni e interfacce per interagire con i dati, ad esempio modalità di ricerca semplici o complesse, oltre a un’interfaccia SPARQL per applicazioni nell’ambito delle Digital Humanities. La piattaforma si basa su un modello di dati evolutivo, pubblicato e specifico per il settore.

Una prima versione della banca dati sarà accessibile al pubblico dalla primavera 2020.

Altri cataloghi

Nell’attesa che la Piattaforma svizzera delle arti sceniche sia online, è possibile effettuare ricerche nei fondi d’archivio e nelle collezioni di SAPA grazie ai seguenti cataloghi.

Le collezioni e i fondi d’archivio delle sedi di Losanna e Zurigo sono catalogati nella banca dati online scopeArchiv fino a quando la Piattaforma svizzera delle arti sceniche sarà accessibile al pubblico.

Il database consente diverse modalità di ricerca. Il personale di SAPA è a vostra disposizione per aiutarvi a consultare scopeArchiv.

La mediateca della sede di Berna, specializzata in teatro, è catalogata nel sistema bibliotecario IDS e in Swissbib. Potete effettuare le vostre ricerche online in questi cataloghi.

Il personale di SAPA è a vostra disposizione nel caso aveste bisogno di aiuto.

Nell’inventario nazionale del patrimonio coreografico svizzero sono recensiti tutti i luoghi e tutte le istituzioni in cui vengono conservati fondi d’archivio relativi alla storia della danza svizzera.

Esso si presenta come una cartina geografica interattiva online:

Guida all’utilizzo

Selezionare la voce desiderata nel menu a sinistra

  • Per luogo di conservazione;
  • Per nome del fondo o della collezione d’archivio.

Le schede dettagliate contengono le seguenti informazioni:

  • Per luogo: nome e coordinate dell’istituzione, sito internet, descrizione dei fondi o delle collezioni conservate, altre informazioni, link alla banca dati;
  • Per nome: nome del fondo o della collezione, status, altre informazioni, segnatura, link alla banca dati, nome e coordinate dell’istituzione.

L’inventario viene aggiornato regolarmente. Se conoscete luoghi in cui vengono conservati fondi d’archivio relativi alla danza svizzera che non sono elencati nell’inventario, vi preghiamo di contattare il team di SAPA.

Storia del progetto

In quanto istituzione di riferimento, SAPA deve avere una visione d’insieme dei luoghi in cui vengono conservati i fondi e le collezioni che costituiscono il patrimonio coreografico svizzero. Questa visione è fondamentale affinché SAPA possa impegnarsi in modo efficace e perenne in favore della salvaguardia e della valorizzazione di questo importante patrimonio. Per questo motivo, a cavallo tra il 2017 e il 2018, SAPA ha contattato 118 istituzioni pubbliche (archivi e biblioteche a livello federale, cantonale e comunale) e 14 istituzioni private svizzere. Il 66% degli intervistati ha risposto (il 67% delle istituzioni pubbliche e il 57% delle istituzioni private). SAPA ringrazia calorosamente tutti coloro che hanno partecipato!

Questo progetto di portata nazionale ha come scopo di:

  • Delineare il panorama attuale del patrimonio coreografico, localizzando i luoghi sul territorio svizzero in cui vengono conservate delle fonti al riguardo;
  • Valutare lo stato di conservazione di queste fonti;
  • Definire quali sono le risorse complementari ai fondi e alle collezioni conservate da SAPA;
  • Informare e orientare il pubblico.

SAPA ringrazia i partner del progetto: Fondazione Ernst Göhner / Fondazione Coromandel / Società Svizzera degli Autori / Fondazione Ars Rhenia.

Internazionale

Qui potete scaricare il Repertorio internazionale degli archivi e delle collezioni specializzate nel campo della danza realizzato nel 2015 dagli studenti dall’alta scuola di gestione (HEG-Genève) su mandato di SAPA (precedentemente Collezione Svizzera della Danza): scaricare il documento.

Un canale Vimeo offre la possibilità di visionare online una parte dei documenti digitali della sede zurighese di SAPA:

Memoriav, l’Associazione per la salvaguardia della memoria audiovisiva svizzera, è partner privilegiato di SAPA per la realizzazione di numerosi progetti di tutela del patrimonio relativo alle arti sceniche (fotografie, video, documenti sonori). Questa proficua collaborazione consente di preservare e valorizzare per le generazioni future documenti di grande importanza.

Questi documenti sono accessibili online nelle banche dati di SAPA, ma anche in Memobase, l’archivio elettronico online di Memoriav:

Questa straordinaria opera di riferimento sulla creazione teatrale e coreica in Svizzera è stata realizzata dall’Istituto di Scienze teatrali dell’Università di Berna ed è disponibile in versione cartacea e online. Contiene fra l’altro articoli su attori di cui SAPA conserva fonti d’archivio di prim’ordine.

Collezioni

Le specificità delle tre sedi di SAPA per tematiche:

Berna: TEATRO

Mediateca: libri, riviste, DVD
Archivio: documenti cartacei, fotografie, oggetti
Documentazione: cartacea

Losanna: DANZA

Mediateca: libri, riviste, DVD
Archivio: documenti cartacei, fotografie, oggetti
Documentazione: cartacea

Zurigo: DANZA

Film: tutti i tipi di supporto
Documentazione: video

Acquisizioni

Le specificità delle tre sedi di SAPA per tipi di collezione:

Archivio e documentazione

L’attività archivistica della sede bernese prende avvio con la fondazione, nel 1927, della Società Svizzera di Studi Teatrali.

Dopo la Seconda guerra mondiale viene perseguita una politica sistematica di raccolta di fonti d’archivio. La documentazione e le collezioni si sviluppano fino a portare all’istituzione, nel 1978, della “Collezione svizzera del teatro”. Il patrimonio archivistico e documentario è conservato e ampliato ulteriormente in modo rappresentativo, continuativo e in base a criteri definiti.

La collezione riunisce, documenta e archivia fonti inerenti alle arti sceniche svizzere (Helvetica), vale a dire pubblicazioni, documenti, materiali e metadati di istituzioni e artisti attivi nei vari ambiti e nelle varie forme d’espressione: teatro di parola e musicale, danza, teatro di figura, cabaret, circo, varietà, tradizioni teatrali popolari e radiodrammi:

  • 222 fondi (157 persone, 65 istituzioni);
  • 300 testi autografi;
  • 35’500 fotografie e diapositive;
  • 1’500 stampe;
  • 8’095 manifesti;
  • 11’878 video;
  • 2’079 documenti sonori (audio);
  • 2’000 locandine;
  • 843’353 articoli di stampa
  • 315 metri lineari di prodotti di stampa di attori teatrali (opuscoli di programmi, volantini, ecc.)
  • 306 maquette di edifici teatrali e scenografie;
  • 5’300 schizzi e bozzetti scenografici;
  • 180 marionette e burattini;
  • 70 teatrini di carta;
  • 200 maschere.

Nell’attesa che la Piattaforma svizzera delle arti sceniche sia accessibile online, le ricerche nei fondi e nelle collezioni vengono effettuate sul posto con l’ausilio di diverse banche dati.

  • Catalogo delle registrazioni video;
  • Catalogo dei supporti audio;
  • Catalogo delle produzioni teatro professionale (60’697 produzioni)
  • Cataloge delle produzioni teatro amatoriale (18’663 produzioni)
  • Pièce pubblicate su giornali e programmi.

Alcuni fondi supplementari sono stati digitalizzati in modo totale o parziale: – Manifesti – Bozzetti scenografici – Modellini scenografici – Maschere – Teatrini di carta – Stampe.

Il personale di SAPA è vostra disposizione per aiutarvi nella ricerca.

La sede losannese di SAPA raccoglie, elabora e conserva fonti d’archivio testuali e iconografiche, oggetti e materiale tessile.

Costituito inizialmente sulla base della collezione privata di Jean Pierre Pastori, nel corso degli anni, grazie a delle donazioni, l’archivio ha potuto essere arricchito di ulteriore materiale archivistico, fra cui gli importanti fondi di Maurice Béjart e Sigurd Leeder. La sede losannese conserva attualmente una sessantina di fondi e collezioni di personalità di spicco della danza svizzera, tra cui coreografe e coreografi, compagnie, danzatrici e danzatori, promotori di progetti, giornaliste e giornalisti, fotografe e fotografi, istituzioni e festival.

Quasi 260 metri lineari di fonti d’archivio di carattere artistico, amministrativo e privato sono disponibili per scopi scientifici, didattici e di mediazione, ma fungono anche da fonte d’ispirazione per i professionisti delle arti sceniche.

  • Fonti d’archivio testuali: documentazione relativa alla creazione artistica, corrispondenza, appunti di drammaturgia, rassegna stampa, notazioni;
  • Materiale iconografico: fotografie, schizzi, incisioni, dipinti;
  • Oggetti: requisiti di scena, oggetti personali;
  • Materiale tessile: costumi, accessori per costumi.

Nell’attesa che la Piattaforma svizzera delle arti sceniche sia online, le collezioni di Losanna sono consultabili tramite scopeArchiv.

Il personale di SAPA è a vostra disposizione per aiutarvi nella ricerca.

La sede zurighese di SAPA conserva principalmente film e documenti video.

Sono disponibili al pubblico oltre 3’000 fonti d’archivio e documentarie di circa 200 coreografe e coreografi nazionali e internazionali. Il materiale è registrato in un catalogo online, in modo da consentire a studiose e studiosi e alle persone interessate di reperire in maniera rapida i documenti più utili alle loro ricerche.

La collezione è incentrata soprattutto sulla creazione coreografica che costituisce la ricchezza della scena elvetica a partire dagli anni Ottanta, e comprende in particolare opere originali di artisti come Sigurd Leeder, Heinz Spoerli, Maurice Béjart, Martin Schläpfer, Jean Deroc e lo Schweizer Kammerballett, Suzanne Perrottet, Cathy Sharp Ensemble, Cie Alias, Cie Drift, Cie Philippe Saire, Cie Fabienne Berger, ZOO/Thomas Hauert, Noemi Lapzes Lapon, Anna Huber, Foofwa d’Imobilité, Gilles Jobin, Zimmermann & De Perrot.

Un canale Vimeo mette a disposizione una parte dei documenti audiovisivi delle collezioni conservate presso la sede zurighese di SAPA.

Nell’attesa che la Piattaforma svizzera delle arti sceniche sia online, le collezioni della sede zurighese sono accessibili al pubblico tramite scopeArchiv.

Il personale di SAPA è a vostra disposizione per aiutarvi nella ricerca. Inoltre, gli artisti e le compagnie possono richiedere una consulenza per effettuare una registrazione ottimale delle proprie opere.

Mediateca

La sede bernese di SAPA dispone della più importante biblioteca specialistica della Svizzera nel settore delle arti sceniche, comprendente un totale di 50’000 volumi e 63 periodici attivi in abbonamento.

La collezione pone l’accento in modo particolare su:

  • Pubblicazioni svizzere relative al teatro e alla danza;
  • Biografie di personalità della scena teatrale e coreica;
  • Testi teatrali, compresi gli adattamenti, appunti di regia e manoscritti di grandi e piccoli teatri nonché teatri popolari.

Nell’estate del 2018 la sede bernese di SAPA ha portato a termine il progetto di ricatalogazione e trasferimento di una parte delle pubblicazioni e del materiale archivistico nella biblioteca situata alla Mittelstrasse. Grazie alla connessione con l’Università di Berna, gli utenti possono beneficiare di orari di apertura più lunghi e flessibili.

Oltre la metà delle opere sono catalogate nel sistema bibliotecario IDS e in Swissbib.

La sede losannese di SAPA dispone di circa 10’000 volumi e di una rassegna stampa su molteplici temi inerenti alla danza e ad ambiti correlati.

La mediateca è strutturata in modo sistematico e inizia con bibliografie tematiche, opere di riferimento ed enciclopedie.

Questa classificazione comprende anche un settore dedicato alla storia della danza. Molti dei volumi conservati presso la sede di Losanna sono fuori commercio, ad esempio gli studi sulla danza macabra in Svizzera. La mediateca contiene inoltre pubblicazioni sui più svariati generi di danza: danza espressiva, balletto, jazz, tip tap, teatrodanza, danza disco e hip hop, danze tradizionali, danze di corte o popolari di origini diverse, come pure opere di celebri danzatrici e danzatori, coreografe e coreografi.

Attualmente le pubblicazioni della mediateca losannese sono catalogate nella banca dati online scopeArchiv.

Il personale di SAPA è a vostra disposizione per aiutarvi nella ricerca.

La sede di Zurigo offre la possibilità di visionare sul posto e in alcuni casi di prendere in prestito DVD e videocassette sulla danza, sia in Svizzera che all’estero, con un’attenzione particolare alla danza contemporanea.

Attualmente le opere della mediateca zurighese sono catalogate nella banca dati online scopeArchiv.

Il personale di SAPA è a vostra disposizione per aiutarvi nella ricerca.

Linee guida:

Uno dei principali obiettivi della Fondazione SAPA è sensibilizzare i produttori di fonti d’archivio sul loro ruolo nella costituzione, conservazione e trasmissione del patrimonio.

In qualità di istituzione di riferimento e grazie alla propria competenza nel settore archivistico, SAPA fornisce raccomandazioni e offre un servizio di consulenza, in particolare per quanto riguarda la produzione di fonti d’archivio audiovisive, che richiedono conoscenze specifiche. A tale scopo, SAPA mette a disposizione varie linee guida online (in francese, tedesco o inglese):

Il personale di SAPA è a vostra disposizione anche per una consulenza telefonica o via e-mail.